UNA MAPPA FANTASTICA, PER PERDERSI (IN RETE)

da una cosa al giorno all'arte di perdersi in rete

Ho avuto il piacere di conoscere Rocco Rossitto diversi anni fa, per il mio lavoro precedente, e siamo sempre rimasti in contatto per reciproca (almeno credo) simpatia e una discreta affinità di gusti e sensibilità.

Sono certa che lo conoscete già: si occupa di comunicazione digitale, ha un’invidiabile rete di contatti, un curatissimo account Instagram che abbonda di posti belli, una personalità affine al vulcano ai piedi del quale abita.

Dalla sua anima flâneur e ambizioni da esploratore nascono prima (nel 2014) Una cosa al giorno (lascio il box qui sotto) e poi, l’anno scorso, il libro Perdersi in rete, guida pratica per persone curiose, un elenco raccontato di luoghi su internet che smuovono la curiosità e provano a farci uscire dalla “bolla” che abitiamo ormai fin troppo comodamente. Perdersi in rete è disponibile gratuitamente in digitale ma esiste anche l’edizione cartacea, per gli amanti del genere (come me).

Abbiamo quindi:

  • un anniversario da festeggiare (i 10 anni di Una cosa al giorno)
  • una guida per perdersi 

… perchè non farci una mappa? 

 

È stata letteralmente la domanda che mi ha fatto Rocco, e quindi eccoci qua, abbiamo realizzato insieme una mappa illustrata per perdersi in rete.

la mappa fantastica

Si tratta di una mappa immaginaria, illustrata e cartacea, che non ha un nord ad orientarti, ma che ti segnala un altrove che non avevi previsto. Dentro ci trovi 50 punti di partenza in Rete per poter praticare la serendipità, ovvero il piacere che si prova quando ci si imbatte in una scoperta casuale. 

come è fatta

Tascabile e pieghevole, quando è aperta diventa un poster con tutti i landmarks da un lato e legenda dei link dall’altro. 

I landmarks, come la mappa stessa, sono immaginari. Rocco ha selezionato 50 “luoghi su internet” (siti, newsletter, canali Telegram, account Instagram) e io li ho identificati con altrettante icone, affiancate da dei pin numerati. Proprio come se fossero dei posti fisici. 

Ho utilizzato una palette colori che ricordasse sia il libro di partenza, Perdersi in Rete, ma mi sono anche attenuta ad un’estetica che ammiccasse alla tradizione delle cartine geografiche di luoghi fantastici, e in generale al vintage che fa sempre, o quasi, parte del mio stile.

cosa ci puoi fare

  • ti aiuta a perderti in Rete e poi sta a te divagare da un sito all’altro.
  • puoi portarla chiusa o puoi appenderla dal lato dei 50 pin.
  • ha una legenda (come tutte le mappe che si rispettino): ci sono le url facili da digitare, ma anche un qr-code con elenco dei siti da cliccare.
  • non ha confini, ma delle aree in cui smarrirti, come la Prefettura della lente di ingrandimento.

dove si acquista

La Mappa Fantastica per perdersi in rete si può comprare qui, ad un prezzo speciale e con le spese di spedizione incluse. 

Se vuoi comprare più copie (da regalare ai tuoi amici, collaboratori, dipendenti), se vuoi diventare un rivenditore o hai altri dubbi contatta Rocco scrivendo a ciao@unacosaalgiorno.it.